Netiquette della Mailing List del TELUG
 

Si prega di rispettare il più possibile le indicazioni fornite di seguito; per brevità, non vengono riportati dettagliatamente tutti i motivi di ciascuna di esse; alcune indicazioni possono sembrare "esagerate", specialmente per chi riceve pochi messaggi al giorno, ma sono di notevole importanza per chi deve gestire decine o centinaia di e-mail al giorno in un tempo limitato (cioè anche per chi probabilmente è piuttosto esperto in materia) e quindi deve poter capire più rapidamente possibile il contenuto dei messaggi o, in caso di reale mancanza di tempo, rassegnarsi a ignorare i messaggi e le domande non sufficientemente chiari. In altri termini, il rispetto delle seguenti indicazioni è soprattutto nell'interesse di chi desidera che i propri messaggi vengano letti (e non ignorati) e le proprie domande ricevano delle risposte utili.

Nel seguito, l'acronimo "ML" sta per "Mailing List".

- 0 -
Appena iscritti alla ML, si riceve una e-mail contenente informazioni generali sulla ML, sul suo funzionamento, sul come modificare le proprie opzioni, sul come de-iscriversi, su come reperire informazioni più dettagliate, e così via; inoltre, il primo giorno di ogni mese si riceve un analogo "promemoria". Si suggerisce di conservare tali messaggi e comunque di evitare di chiedere agli iscritti o all'amministratore della ML delle informazioni già ricevute mediante tali messaggi; in ogni caso, tali informazioni sono disponibili anche su una pagina web indicata sulla "Home Page" del sito web del Telug.

- 1 -
Nel caso in cui si abbiano più indirizzi e-mail diversi, i messaggi vanno spediti alla ML indicando come mittente l'indirizzo con cui ci si è iscritti alla ML, altrimenti il messaggio viene automaticamente bloccato in moderazione e non passa in lista; per motivi legati al fenomeno dello spam, la configurazione del software di gestione della ML potrebbe non prevedere la spedizione di una corrispondente notifica al mittente; quindi, se ci si accorge che il messaggio inviato non viene distribuito in lista, consultare la posta spedita per verificare se l'indirizzo mittente usato corrisponda o no a quello con cui ci si è iscritti.

- 2 -
I messaggi inviati alla ML non devono contenere codice HTML, per vari motivi, alcuni dei quali sono indicati su http://www.telug.it/netiquette/no-html-mail.html ; il seguente documento indica come disabilitare l'HTML su alcuni programmi di posta e alcune web-mail: http://www.expita.com/nomime.html#programs ; se i messaggi inviati non passano in lista, verificare che non siano stati spediti in formato HTML, ad esempio controllando il "sorgente" dei messaggi inviati. Per comodità degli iscritti e per agevolare l'amministrazione della ML, la configurazione del software di gestione della ML potrebbe prevedere l'eliminazione automatica dell'eventuale codice HTML dai messaggi prima della distribuzione alla lista, ma questo non è comunque un buon motivo per spedire i messaggi in formato HTML.

- 3 -
Nell'oggetto dei messaggi, la "risposta" va indicata con "Re:", come stabilito dalla RFC 1036 - "Standard for interchange of USENET messages": http://www.faqs.org/rfcs/rfc1036.html ('[...] in response to another message [...] the default subject should begin with the four characters "Re:" [...]'); per motivi facilmente spiegabili ma non riportati qui per brevità, è sbagliato indicare la risposta ad es. con "R:" o "AW:" come fanno alcune versioni di Microsoft Outlook, oppure con "Rif:" o con "Re[numero]:" come fanno altri programmi di posta. Se il programma di posta usa un prefisso diverso da "Re:", configurarlo o correggerlo di conseguenza, oppure correggere manualmente tale prefisso ogni volta prima di inviare un messaggio alla lista. Il software di gestione della ML potrebbe prevedere una correzione automatica dei prefissi errati, ma questo non è comunque un buon motivo per spedire dei messaggi con un "prefisso" errato. I seguenti documenti spiegano alcuni dei motivi per cui è sbagliato usare un prefisso diverso da "Re:" e come correggere tale problema su Microsoft Outlook Express: http://www.vene.ws/mail/r-out.asp , http://www.vene.ws/mail/patch.asp , http://utenti.lycos.it/SourceNet/faq_oe.htm ; nel caso di Microsoft Office Outlook, tale problema può essere in parte corretto mediante la seguente configurazione: Strumenti - Opzioni - Formato Posta - Opzioni Internazionali - selezionare "Utilizza inglese per intestazioni messaggio in risposta o inoltro"; con questa configurazione, il prefisso di risposta diventa "RE:", che non è ancora corretto, dato che la "E" dovrebbe essere minuscola, ma che è riconosciuto da un maggior numero di programmi.

- 4 -
"Quotare", cioè "citare" opportunamente i messaggi a cui si risponde; per indicazioni sul come "quotare" correttamente, si rimanda ai seguenti documenti: http://www.marco5x.net/usenet/quoting.php , http://lists.presso.net/pipermail/tevac-macsupport/2003-April/000759.html

- 5 -
Per motivi legati allo spam, nel "quotare", non indicare l'indirizzo e-mail del mittente del messaggio a cui si risponde, limitarsi a indicare solo nome+cognome/nickname. Per default, alcuni programmi di posta inseriscono, nel testo della risposta, varie informazioni relative al messaggio a cui si sta rispondendo, come gli indirizzi del mittente e del destinatario, l'oggetto del messaggio, data e ora, e così via; in alcuni casi questo può essere utile, ma di solito, e anche nel caso di una ML, è del tutto superfluo (ad es., che cosa pensereste se qualcuno, nel rispondervi a un SMS, esordisse ricordandovi il suo e il vostro numero di cellulare?:-) e, se la ML ha archivi pubblicamente consultabili via Internet (come in questo caso), questo espone a spam l'indirizzo del mittente del messaggio a cui si sta rispondendo. Quindi, se il programma di posta inserisce tali informazioni, configurarlo opportunamente perché non lo faccia, oppure cancellarle "manualmente" ogni volta prima di inviare un messaggio alla lista.

- 6 -
Rispettare il "threading" degli argomenti dei vari messaggi che passano in lista. Nell'iniziare un nuovo argomento, bisogna scrivere da zero una nuova e-mail diretta all'indirizzo della ML e non si deve invece iniziare la composizione del messaggio "rispondendo" a un messaggio a caso ricevuto dalla lista, per poi modificarne l'oggetto e riscriverne da capo il contenuto, pur di non dover digitare/ricordare/prendere dalla rubrica l'indirizzo della ML, che peraltro è breve e facile da ricordare :-) Se invece si interviene su un argomento ("thread") aperto, scrivere una "risposta" ("reply") al messaggio al quale ci si vuole agganciare, ed evitare di scrivere invece un nuovo messaggio con lo stesso oggetto del "thread".

- 7 -
Nell'iniziare un nuovo argomento, scegliere un "oggetto" ("subject") il più possibile consono al contenuto del messaggio. Ad es., questo è importante perché chi deve gestire molte e-mail al giorno può non avere tempo materiale per leggere tutti i messaggi ricevuti da tutte le ML a cui è iscritto e può doversi limitare a leggere solo quelli che possono realmente interessarlo e, in particolare, può dover ignorare i messaggi il cui "oggetto" non permette di capire rapidamente l'argomento trattato nel contenuto. Inoltre questo è importante ad es. per una agevole reperibilità dei contenuti degli archivi pubblici della ML mediante i motori di ricerca.

- 8 -
Possibilmente, prima di chiedere aiuto, cercare nei messaggi precedentemente passati in ML (ad es. consultando la posta ricevuta o gli archivi on-line) per evitare di porre domande a cui è già stata data risposta.

- 9 -
Quando si chiede aiuto, fare tutto il possibile per fornire informazioni sufficienti a capire la situazione e il problema che si vuole risolvere. Ad es., vanno evitati messaggi come "aiuto: la scheda video non mi funziona", senza indicazioni neanche sul modello di scheda video, perché nessuno degli iscritti ha la sfera di cristallo (qualcuno ce l'ha ma è in riparazione e comunque non funziona sempre bene:-) e quindi è estremamente improbabile che gli iscritti possano fornire indicazioni realmente utili in risposta a un messaggio di questo tipo.

- 10 -
Questa ML non è un "help desk" gratuito: nei limiti del possibile, gli iscritti sono ben lieti di aiutarsi reciprocamente e di scambiarsi informazioni per migliorare le proprie conoscenze e competenze, ma il tutto avviene esclusivamente su base volontaria e nessuno è pagato per farlo; se un quesito non riceve risposte, può darsi che nessuno sappia essere di aiuto, o ad es. può darsi che chi sa rispondere non abbia tempo materiale per farlo; chi scrivesse indispettito protestando per non aver ricevuto risposte a una richiesta di aiuto, si esporrebbe a un forte rischio di essere flammato vivo :-) o, in altri termini, di ricevere delle risposte giustamente indispettite e di innescare così degli inutili e fastidiosi "bisticci".

- 11 -
Limitare la lunghezza delle righe delle e-mail a 72-80 caratteri al massimo, evitando di comporre messaggi con righe lunghissime o addirittura messaggi scritti su una sola riga, come magari si è abituati a fare usando un qualunque word processor, dove il testo viene mostrato distribuito su più righe anche quando è costituito da una sola riga; a tale scopo, si può configurare il programma di posta elettronica (o il corrispondente editor di testo) in modo che effettui l'"autowrap" del testo scritto, andando automaticamente a capo ogni 72-80 caratteri al massimo.

- 12 -
Scrivere TUTTO IN MAIUSCOLO corrisponde a URLARE, il che non è necessario e di solito non è considerato segno di buona educazione; quindi si prega di evitare di scrivere messaggi di posta completamente IN MAIUSCOLO e di non attivare il CAPS LOCK prima di scrivere il testo dei messaggi.

- 13 -
Usare un "charset" (set di caratteri) standard, preferibilmente l'iso-8859-1 o l'iso-8859-15 (Europa Occidentale, ISO) o l'utf-8 (Unicode); verificare che il proprio programma di posta non sia configurato in modo da usare un charset non standard, come ad es. il windows-1252 (Europa Occidentale, Windows), che, come lo stesso nome lascia intuire, non è standard; riguardo all'utf-8, tenere presente che ad oggi alcuni terminali potrebbero non supportarlo ancora, anche se questo non corrisponde affatto a un difetto di tale charset.

- 14 -
Le "signature" non devono essere "chilometriche". Classicamente, non dovrebbero superare le 4 righe; se sono un po' più lunghe, senza esagerare, va bene lo stesso, ma una signature di addirittura 20, 50, o magari 100 righe, beh, proprio no :-)

- 15 -
Evitare assolutamente di coinvolgere la ML in messaggi corrispondenti a "catene di S. Antonio", anche nel caso in cui non si tratti di "bufale", come spesso accade: questa ML non ha l'ambizione di risolvere tutti i problemi del mondo e, al contrario di canali appositi e ben più adeguati allo scopo, non potrebbe comunque essere particolarmente utile nella soluzione di problemi ed emergenze gravi.

- 16 -
La ML serve a discutere di argomenti riguardanti Linux; un "fuori tema" ("off-topic") ogni tanto non è la fine del mondo, ma è bene evidenziare i messaggi fuori tema "marcandoli" con un "[OT]" nell'oggetto, in modo che siano facilmente filtrabili da chi è interessato a leggere solo messaggi "in tema", ed è opportuno interrompere un "fuori tema" se infastidisce gli altri iscritti.

Debian Apache Powered by PHP Layers Menu Valid XHTML 1.0! Valid CSS!
I contenuti linkati ed esterni al sito sono di responsabilità dei possessori dei rispettivi siti e non riflettono la posizione ufficiale dell'associazione.
Telug non effettua verifiche, non si assume alcuna responsabilità e non fornisce alcuna garanzia esplicita o implicita in merito a correttezza, veridicità, fruibilità, accessibilità e persistenza di tali contenuti.